Talloni screpolati

Il tallone è la parte posteriore del piede che riveste l’osso chiamato calcagno, l’osso più grande del piede. Il tallone ha fisiologicamente uno strato corneo molto spesso. Questo ispessimento è generato dalle pressioni che la pelle del tallone subisce quando si cammina o si fa attività sportiva.  Nei soggetti che non camminano come neonati, allettati cronici o paraplegici , la pelle del tallone non ha l’ispessimento dello strato corneo e appare morbida. Quindi lo spessore dello strato corneo è relativo ai carichi, agli sfregamenti, all’attività quotidiano o sportiva.

Ipercheratosi del tallone

L’ispessimento dello strato corneo nel tallone è da considerarsi fisiologico e serve per proteggere le cellule della pelle e le strutture del derma dalle pressioni esercitate dal peso del corpo.
In alcuna condizioni lo strato corneo del tallone si ispessisce in eccesso e si parla allora di Ipercheratosi del tallone.

Cause d’ipercheratosi del tallone

Le cause possono esser di natura comportamentale o di natura patologica.

Tra le comportamentali  si elencano:

  • Attività ginnico sportiva con carichi sui piedi
  • Uso di calzari rigidi (scarponi, zoccoli, infradito ecc)
  • Camminare a piedi nudi su terreni abrasivi
  • Tic con sfregamento dei piedi
  • Uso di abrasivi (pomice, raspe, apparecchi abrasivi, ecc.)
  • Lavaggi frequenti con saponi
  • Secchezza del piede

Le cause che risiedono in patologia sono :

  • Sovrappeso, obesità
  • Menopausa
  • Insufficienza venosa o arteriosa
  • Deficit cardiocircolatorio
  • Psoriasi, Dermatite Atopica
  • Neuropatia periferica

Il tallone screpolato

Quando lo strato corneo si ispessisce diventa più rigido e meno elastico  e perde la capacità di dissipare le forze che lo coinvolgono.  L’ispessimento porta anche ad un cambiamento di colore che può essere più scuro o più chiaro del resto del piede.
Al tatto si apprezza una ruvidità a tipo carta vetrata.
Si hanno difficoltà ad indossare calze sottili  tipo nylon perchè si impigliano nel tallone.
Da punto di vista estetico danno una sensazione di trascuratezza e mancanza di attenzione per la propria persona.

Trattamento dei talloni screpolati

Il trattamento dell’ipercheratosi lieve o talloni screpolati si esegue applicando tutte le sere crema Micropeeling (Glicocrema) che riducendolo spessore dello strato corneo cancella questo fastidioso inestetismo.
La crema va applicata con molto massaggio altrimenti tende a restare all’esterno.
Oltre alla crema Micropeeling occorre ridurre i lavaggi e l’uso di detergenti perchè questi creano secchezza eccessiva e quindi la screpolatura ai talloni.
Non sono idonee invece la crema idratanti o emollienti che non riescono a togliere la ruvidità del tallone.

La prevenzione del tallone screpolato

Per non avere questo disturbo è buona regola applicare  sui piedi , dopo i lavaggi, una crema emolliente contente burri e oli vegetali (MOST Crema Emolliente).
L’esposizione al freddo prolungato è un’altra causa di secchezza dei piedi e quindi di tallone screpolato.  Tenere i piedi caldi quindi è un’altra buona regola di prevenzione.

Trattamenti errati sconsigliati da DermaClub

Per curare l’inestetismo del tallone screpolato spesso vengono messi in atto trattamenti ritenuti errati da DermaClub.

Essi principalmente sono:

  • impiego di crema all’urea. L’urea ha scarsa attività cheratolitica (riducente) e può essere irritante.
  • impiego di crema idratante. Queste creme non riescono a migliorare la screpolatura anzi a volta la peggiorano.
  • impiego di fresature meccaniche (pomice, abrasori meccanici ed elettrici) Creano infiammazione e quindi peggiorano l’ipercheratosi